L’ora del riscatto: Sibilli torna a Pisa

Il FOCUS sul ritorno di Sibilli a Pisa

Dopo tre anni in terra toscana, Giuseppe Sibilli è stato messo alla porta della squadra toscana. Un finale amaro di un’esperienza dove il giocatore napoletano ci ha sempre messo il cuore. Sabato Sibilli torna a Pisa, voglioso di riscatto e con il coltello tra i denti per dimostrare a tutti che grande errore ha fatto la dirigenza nerazzurra.

Sibilli Cremonese
Copyright: SSC Bari

Sibilli e Pisa

La storia d’amore tra il Pisa e Sibilli è una di quelle storie passionali, vere, caratterizzate da fedeltà e propensione al lavoro. Un amore ripagato con gol (appena 13 in 94 presenze) e prestazioni sfavillanti. In terra toscana non ha segnato tantissimo, ma tutti i suoi gol sono stati di pregevole fattura e soprattutto son sempre stati molto pesanti per la classifica e il morale. Reti, insomma, mai banali e dal peso specifico non indifferente.

Una delle sue vittime preferite è sempre stato il Lecce (legame quasi naturale con Bari, chissà…). Nel dicembre del 2020 ha timbrato il cartellino nella vittoria del Pisa per 3-0 a Lecce dopo una prestazione gagliarda e di personalità. Quasi un anno dopo è sempre lui ad aver insaccato la palla in rete nella vittoria per 1-0 contro i salentini. Un missile terra-aria a battere Gabriel, tre punti che sono valsi la testa solitaria della classifica.

Non solo potenza, ma anche tanta qualità nei suoi gol. Citiamo ad esempio il gol realizzato a Brescia nel novembre del 2021: « o’tiraggir di Beppe Sibilli», così intitolava il canale YouTube del Pisa dopo quel gol capace di mandare in orbita la squadra toscana.

Sibilli
Copyright: Pisa Sporting Club

Voglia di riscatto

Sibilli si è fatto subito amare dalla città di Bari, già dalle sue prime giocate ha strappato applausi dal pubblico del San Nicola e la sua prestazione quasi anonima nella trasferta di Terni ha influito sulla prestazione dei galletti. È un Bari che si è riscoperto Sibilli-dipendente, le sue fiammate e i suoi scatti sono stati il motore del Bari nelle prime uscite stagionali.

Ha segnato il gol decisivo nella trasferta di Cremona (votato MVP della seconda giornata dagli utenti di Pianeta Bari), mentre nella gara casalinga contro il Cittadella ha fornito l’assist decisivo per l’incornata di Marco Nasti. Si è perfettamente integrato con Morachioli, duo di trequartisti tanto diversi quanto completi messi al servizio dell’unica punta. Sarà curioso vedere come Mignani gestirà Sibilli dopo l’arrivo di Aramu, trequartista più tecnico e sicuramente meno esplosivo del giocatore napoletano.

In un’intervista rilasciata nella giornata di lunedì a RadioBari, Sibilli si è espresso così in vista della trasferta di Pisa: «“Sono giorni che ci sto pensando, ma non trovo le risposte. Io ho dato tanto a loro e loro hanno dato tanto a me. Io però vado a Pisa per vincere. Loro hanno fatto le loro scelte, ma anch’io ho preso le mie decisioni. Ho sentito che a 27 anni questa era un’occasione da non perdere. Se segnassi sabato non esulterei, Pisa mi ha dato tanto e i tifosi non lo meriterebbero»

Dalle sue parole emerge sia l’amarezza per come l’avventura in terra toscana si è conclusa (messo sul mercato dalla società pisana), ma d’altra parte la voglia di riscatto, la voglia di sentirsi ben voluto in un ambiente dove possa essere il protagonista dell’opera. Chi lo conosce sa bene che il 16 settembre è stato cerchiato in rosso il giorno del suo arrivo in Puglia.

Suo padre, ex attaccante di Serie C e D, in un’intervista ha sottolineato come Sibilli debba essere più egoista, perché ciò che alla fine si va a vedere sono i gol per un leader tecnico come lui. La speranza è che Peppe senta i consigli e che sabato dia un’ulteriore gioia al settore ospiti e tutta la città di Bari facendo ricredere chi l’ha messo alla porta.

Sibilli Cremonese
Copyright: SSC Bari
By Domenico Farella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Correlati