Capozucca (DS Ternana) a PianetaBari: “Il Bari ha una corazzata, è favorito. Sarà Davide contro Golia, ci aspetta un’impresa”

L'intervista a Stefano Capozucca
È tempo di play-out per il Bari. L’avvicinamento alla doppia sfida decisiva della stagione contro la Ternana è iniziato. Per arrivare al meglio alla gara contro i rossoverdi, in programma giovedì sera al San Nicola, Stefano Capozucca, direttore sportivo delle Fere, è intervenuto ai microfoni di PianetaBari per dare un suo punto di vista.
Capozucca
Copyright: Ternana Calcio

L’intervista a Stefano Capozucca

Capozucca, come ci arrivano Ternana e Bari a questi play-out? C’è una favorita tra le due?
“C’è poco da dire: sarà Davide contro Golia. Una grande realtà e un grande pubblico (penso che ci saranno 30/40 mila spettatori), quindi è un’impresa quella che aspetta la Ternana. Al là di quello che è la classifica, che dice che abbiamo due risultati su tre, penso che a questo punto si azzera tutto. Non ci sono dubbi che la favorita sia il Bari.”
Pensa che il Bari si giocherà la maggior parte delle sue carte nella gara d’andata?
“Indubbiamente. Il Bari ha un organico di primo livello, è inaspettato vederla in questa posizione di classifica.”
Che spiegazione si dà di questa stagione biancorossa? Si aspettava questo tipo di stagione?
“No, anche se ha perso giocatori importanti. Penso alle due punte, ma anche a Caprile, un portiere di prima fascia di cui tutti dimenticano il valore. Ricordo l’anno scorso, quando ero a Cagliari, e nella partita d’andata che avevamo dominato in Sardegna lui fu determinante, il vero protagonista di quella partita. La squadra è un po’ cambiata rispetto all’anno scorso, però ha comunque giocatori importanti. Poi bisogna essere dentro nelle situazioni per giudicare, non mi permetto perché non la conosco dall’interno.”
C’è qualche giocatore del Bari che pensa la Ternana debba temere?
“Il Bari è una corazzata rispetto alla Ternana. Noi siamo la squadra più giovane del campionato: pensi che domenica abbiamo giocato con 8 under su 11, questo la dice lunga. Abbiamo 5 calciatori importanti fuori per infortuni gravi, di cui 2 difensori per tutta la stagione; il portiere è rientrato domenica in panchina; l’attaccante che abbiam preso ha avuto problemi cardiologici. Abbiamo tanti giocatori fuori e tanti problemi”.
Capozucca
Copyright: Ternana Calcio
Le chiedo di riavvolgere un po il nastro e di analizzare le due partite della stagione regolare contro il Bari: il pareggio e la vittoria del Bari al ritorno. Che ricordi ha di quelle partite?
“All’andata non ci fu partita a favore della Ternana. Meritavamo di vincere: abbiamo preso un palo interno e una traversa. Al ritorno non ci fu partita a favore del Bari: fu una partita a senso unico, nella quale fummo dominati in qualsiasi zona di campo”.
Le due partite di regular season possono avere un’influenza, anche a livello emotivo in questi due confronti play-out?
“Non lo so. I miei ragazzini sono andati a giocare a Palermo, di fronte a 30.000 spettatori, e abbiamo vinto una partita difficile che ha avviato la crisi del Palermo. Normale che giocare una partita del genere con una grande cornice di pubblico in casa di un certo tipo influisca: ricordo che l’anno scorso c’erano 60 mila spettatori della partita, anche se poi fu rocambolesce perché il Bari perse la Serie A a un minuto dalla fine, ma ci fu un pubblico spettacolare. Quindi: il pubblico conta, ma alla fine in campo ci vanno i giocatori”.
Proprio per questo motivo, sicuramente la Ternana avrà le sue carte da giocarsi. Lei ha lodato il Bari, ma anche la Ternana ha i suoi punti forti… Cosa pensa che il Bari debba temere di voi?
“Siamo una squadra giovane, di cui la maggior parte non ha mai giocato in B. Penso che il Bari abbia poco da temere, deve temere più sè stessa”.

By Gianluca Losito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Correlati