Terracenere a PianetaBari: “Società e direttore si sono adagiati, Polito in estate poteva dimettersi. Marino non ha le idee molto chiare”

La nostra intervista a Angelo Terracenere

Momento difficile per il Bari, reduce da due sconfitte consecutive che hanno comportato il ritiro. La gara contro il Sudtirol sa di spartiacque della stagione, con Marino che si gioca la panchina. Per analizzare la stretta attualità in casa Bari ci siamo fatti dare un parere da Angelo Terracenere, storica bandiera biancorossa tra anni Ottanta e Novanta, con 257 presenze sulle spalle.

Bonazzoli Marino Terracenere
Copyright: SSC Bari

L’intervista a Angelo Terracenere

Terracenere, secondo lei da dove nasce questa stagione complicata del Bari?
«Nasce dal fischio finale di quella maledetta Bari-Cagliari. Da lì si doveva programmare una stagione migliore, mantenendo 7-8/11 della squadra, e non si è fatto, volendo solo aspettare le cessioni di Cheddira e Caprile; soldi non più reinvestiti sul mercato. L’anno scorso ci è andata bene perché non eravamo nemmeno una squadra con potenzialità da vittoria del campionato, ma ci si è trovati in quella situazione e bisognava sfruttare il momento. Io dico: dopo 15 giorni o un mese iniziamo a fare la squadra forte. Invece la società e il direttore sportivo si sono adagiati, prendendo tutti questi prestiti, calciatori di cui alcuni non giocano mai, sono relegati in panchina o in tribuna.»

Mercato fallimentare: pensa che sia dovuto ai pochi fondi messi a disposizione dalla proprietà o Polito avrebbe dovuto fare meglio con quello che aveva a disposizione?
«Il problema è questo. Io vorrei sapere se Polito aderiva al parere della società oppure se la società gli ha imposto questo approccio. Un direttore che dice quest’anno noi abbiamo una squadra più forte dell’anno scorso… purtroppo i risultati non gli danno per niente ragione. Credo che Polito avrebbe dovuto avere più polso, più carattere, più personalità per farsi dare le risorse per fare una squadra più forte, per poter ambire quantomeno a lottare per vincere il campionato. Nel momento in cui la società gli ha detto di no avrebbe potuto anche dare le dimissioni, invece lui era convinto che questa squadra potesse far bene. Speriamo cambi qualcosa nel mercato di riparazione.»

Come si spiega l’involuzione di alcuni calciatori come Maita e Morachioli che l’anno scorso hanno fatto bene e quest’anno sono in calo?
«Semplice: nel momento di difficoltà questi giocatori, che l’anno scorso hanno fatto un bel campionato, dovevano dimostrare di essere all’altezza della situazione. Questo invece mi fa capire che sarà una mancanza di personalità, non è un fattore relativo all’allenatore. Io di Maita io ho sempre parlato bene e ne parlo ancora bene, ma di colpo sono diventati giocatorini? Mi sembra strano. Nei momenti di difficoltà avrebbero dovuto dare di più.»

Terracenere ritiene che l’esonero Mignani sia stata una scelta giusta?
«Finché c’è stato il Bari non giocava bene e ha spesso pareggiato. Bisogna essere sinceri, il 50% della piazza non era contento di Mignani. Queste sono scelte che la società ha fatto, convintissima di migliorare, ma questo non è successo. Non so dire se è stata la scelta giusta o meno, perché Marino appena arrivato ha fatto 4 risultati utili consecutivi con vittorie e pareggi, ora non riusciamo a vincere nemmeno contro squadrette come Lecco e Feralpisalò.»

Marino, invece, era il giusto nome per sostituirlo? Come valuta queste sue prime partite?
«Non si è ancora capito che modulo di gioco voglia impostare: 4-3-3, 3-5-2 o 3-4-3? Anche lui non ha le idee molto chiare.»

Cosa salvare del mercato estivo del Bari?
«Mi aspettavo molto di più da Diaw; non è male come calciatore, mi è piaciuto sia all’esordio contro il Palermo e in altre uscite, ma si fa male troppo spesso. Idem per Menez, che si è subito rotto; sono cose che succedono, ma questi sono calciatori datati, bisogna andare sui giovani. Sibilli e Nasti non sono male; soprattutto quest’ultimo, mi ricorda Rideout: si dà da fare e lotta su tutti i palloni ma poi in fase di conclusione vede poco la porta perché fa un lavoro molto sporco che lo porta ad essere meno lucido. Per l’età però è da tenere in considerazione.»

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU FACEBOOK.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU INSTAGRAM.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU YOUTUBE.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TWITTER (X).

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TWITCH.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TELEGRAM.

By Gianluca Losito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Correlati