Cosa aspettarsi da Sampdoria-Bari

La preview della partita tra Sampdoria e Bari.

Chiusura di girone d’andata nel Boxing Day per il Bari, oramai tradizione in Serie B. Per il secondo anno consecutivo i biancorossi affrontano una squadra genovese nel turno in programma a Santo Stefano: mentre lo scorso anno fu il Genoa ad espugnare per 1-2 il San Nicola, in questa occasione sono i Galletti ad essere ospiti della Sampdoria allo Stadio Ferraris, in una sfida dal blasone molto più prestigioso di una seconda serie, tra due squadre perlopiù gemellate.

Sampdoria Samp
Copyright: UC Sampdoria

La Sampdoria di Pirlo: una squadra in crescita

La Sampdoria che incontrerà il Bari è una squadra strana, in profonda evoluzione, che non ha ancora trovato il suo centro di gravità permanente. Appaiata al Bari al 10° posto, con 22 punti che in realtà sono 24 (ma con la penalizzazione di 2 lunghezze pendente sulla graduatoria dei blucerchiati) i ragazzi di mister Andrea Pirlo vengono da un inizio di stagione molto difficile, al quale è seguito un brillante mese di novembre che ha rilanciato le ambizioni dei liguri.

È un dicembre dalle due facce, invece, quello della Samp: due vittorie e altrettante sconfitte. L’ultima, arrivata in casa contro la Feralpisalò, è particolarmente rilevante per via degli errori individuali che hanno causato la débacle finale.

La Sampdoria di Pirlo, dopo vari esperimenti tra cui un accenno di difesa a 3, ha trovato un suo equilibrio con una retroguardia a 4, un centrocampo a 3 e un attacco fluido, composto tendenzialmente da un trequartista, un attaccante “mobile” capace di giocare sia sulla linea di trequarti che in avanti, e una punta pura.

Tra i pali il titolare è il classe 2002 Filip Stankovic, in prestito dall’Inter dopo l’ultima stagione al Volendam. Dopo un inizio di campionato difficile, Stankovic sta guadagnando sempre più il ruolo di certezza dei blucerchiati con parate di grande reattività.

In difesa, il pilastro è il centrale classe 2003 Daniele Ghilardi, protagonista con l’Under 20 allo scorso Mondiale di maggio, giocatore dalle ottime qualità fisiche. Nelle ultime partite gli sta facendo sempre più spesso Facundo González, anch’egli centrale del 2003 di grande esplosività, campione del mondo under 20 con l’Uruguay e di proprietà della Juventus.

Sugli esterni, a sinistra il titolare è un altro giovanissimo come Simone Giordano, il quale tuttavia viene a volte alzato nel ruolo di mezzala sinistra e sostituito da Murru, mentre a destra trova spazio il versatile Fabio Depaoli, autore già di tre reti in questa stagione tra cui la doppietta di testa nel derby contro lo Spezia.

Benedetti
Copyright: UC Sampdoria

Centrocampo in cui davanti alla difesa il caposaldo è Gerard Yepes, centrocampista di rottura anch’egli del 2002. Al suo fianco, Pirlo utilizza spesso il suo pretoriano Matteo Ricci (già avuto al Fatih Karagümruk) e Patjim Kasami, il quale tuttavia è stato espulso contro la Feralpisalò e sarà dunque squalificato. Probabile vedere così Ricci e Giordano ai fianchi di Yepes nel centrocampo a 3. Tornato da poco a disposizione uno dei grandi ex dell’incontro, ossia Leonardo Benedetti: per lui pochi minuti contro la Reggiana e l’intero secondo tempo disputato contro la Feralpi. Chissà che il tecnico bresciano non decida di lanciarlo da titolare contro il Bari.

Trequarti di qualità per la Samp nella quale si sistemano un centrocampista offensivo come Verre, capace negli inserimenti senza palla e con un tiro pericoloso, e l’ex della partita Sebastiano Esposito, il quale ha sperimentato questa posizione ibrida per la prima volta proprio nel Bari, grazie a mister Mignani, nella seconda parte dello scorso campionato. Esposito è il faro della Sampdoria a livello tecnico-tattico, illuminando spesso le manovre offensive dei blucerchiati con guizzi e intuizioni interessanti.

Nel ruolo di centravanti, data l’assenza di Borini (miglior realizzatore blucerchiato con 5 reti) per un problema agli adduttori, il titolare sarà Manuel De Luca, centravanti di fatica, con una sola rete messa a segno finora in stagione ma un paio di assist.

Esposito Sampdoria
Copyright: UC Sampdoria

La probabile formazione del Bari: probabile qualche cambio. Ipotesi Dorval a sinistra

Si prevede qualche mossa di turnover in casa Bari, nei limiti del possibile. Marino ha già anticipato che farà ruotare la squadra in base alle necessità. A proposito di necessità, la prima riguarda lo squalificato Ricci. Complice anche la non convocazione di Pucino e le problematiche legate a Frabotta, possibile un ritorno al 3-5-2.

Continuità a Benali in mezzo al campo, il quale dovrebbe essere affiancato da un redivivo Maita; per il centrosinistra ballottaggio tra Sibilli e Edjouma. In attacco, probabile vedere il ritorno di Aramu al fianco di Nasti.

La probabile formazione del Bari
Bari (3-5-2):
Brenno; Zuzek, Di Cesare, Vicari; Achik (Frabotta), Maita, Benali, Sibilli, Dorval; Aramu (Achik), Nasti. All. Marino

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU FACEBOOK.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU INSTAGRAM.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU YOUTUBE.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TWITTER (X).

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TWITCH.

CLICCA QUI PER SEGUIRCI SU TELEGRAM.

By Gianluca Losito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Post Correlati